Fly & Drive, come scegliere vettura e itinerario di viaggio

Prenotando un’auto a noleggio per un viaggio Fly & Drive è indispensabile, prima di tutto, scegliere la vettura adatta alle proprie esigenze e soprattutto idonea al tipo di itinerario che si intende percorrere.

Un contratto di noleggio chiaro

Attraversare il deserto a bordo di una Panda potrebbe rivelarsi tanto spiacevole quanto dover percorrere le strade di Parigi a dorso di un cammello.  Chi è poco esperto in materia di automobili, potrà lasciarsi consigliare dal personale delle agenzie di noleggio. Bisogna inoltre informarsi in merito ai documenti che sono richiesti a seconda della destinazione, studiare attentamente il preventivo per avere chiaro cosa  include la tariffa e cosa, invece, si va a pagare a parte, e informarsi in merito alla copertura della polizza assicurativa. Alcuni contratti includono la copertura assicurativa per 2 o 3 guidatori aggiuntivi, un primo pieno di carburante oltre che per l’assistenza in loco e un utile kit informativo, altre nulla di tutto questo. La vettura si ritira e si riconsegna all’aeroporto di destinazione.

Israele e sulle orme dei ranger texani con la formula Fly & Drive

La formula Fly & Drive è particolarmente indicata per un viaggio attraverso l’Israele. A bordo della vetturapresa in consegna a Tel Aviv si può raggiungere in un viaggio dalla durata di una settimana, la meravigliosa città di Haifa situata sul Monte Carmelo, proseguire poi per i luoghi sacri di Tagba, i Monti Beduini, Cana,  Nazareth, Gerico e Gerusalemme  e concludere il viaggio con una visita all’oasi naturale di Ein Gedi, paradiso di fauna e flora locale. Il pernottamento nei kibbutz piuttosto che negli alberghi conferisce al viaggio un fascino più “vero”.

Altra destinazione ideale per un viaggio avventura Fly & Drive è rappresentata da un tour sulle orme dei ranger texani, negli Stati Uniti. Dopo aver ritirato la vettura all’aeroporto di Dallas,  si percorrono gli oltre 300 km che separano la città da quella di Austin.  Si prosegue quindi visitando San Antonio con la missione di El Alamo, Del Rio, e si giunge infine al Big Bend National Park. Questa riserva naturale racchiude le Chisos Mountains ed una parte del deserto di Chihuahua dove si possono incontrare roadrunner e serpenti a sonagli. Costeggiando il Rio Grande de la Norte si arriva al Parco Nazionale di Fort Davis. Successivamente l’itinerario prevede la visita di Carlsbad, a circa 500 km di distanza da Fort Davis, e attraversando le Sacramento Mountains e le dune delle White Sands, si procede verso la mitica Santa Fe dove si possono ammirare i resti dei villaggi degli indiani pueblo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *