Africa, tra safari e dune

Il mal d’Africa non è una leggenda. Chiunque abbia fatto un viaggio in Africa, sa che questo meraviglioso continente cattura l’anima ai suoi visitatori e gliela restituisce, al momento della partenza, insieme alla nostalgia per ciò che lasciano e con il desiderio di tornare ancora.

Per conoscere l’Africa: la guida Lonely Planet Africa

Su Amazon è disponibile la guida turistica sull’Africa di Lonely Planet (difficile da trovare nei negozi!), in consegna in un paio di giorni: Il libro dell’Africa. Un viaggio in tutti i paesi del continente

Arrampicarsi sul Monte Kenya o pernottare nei parchi del Botswana

Salire la vetta di oltre cinquemila metri del Monte Kenya è una prova che solo gli alpinisti più allenati possono affrontare. Questo non significa però che coloro non sono alpinisti e non posseggono l’adeguata preparazione per una tale impresa, debbano privarsi dell’ebrezza che si prova osservando dai monti del Kenya il panorama mozzafiato del paesaggio circostante. Per loro vengono organizzati trekking di minore difficoltà intorno alla montagna e fino a Punta Lenana, la cima innevata alta 4985 metri. Altro viaggio da consigliare assolutamente agli appassionati delle bellezze naturali, è un itinerario attraverso ill Botswana, dalle distese saline dell’area Pans di Nxai e Makgadigadi al fiume Khwai e la Riserva di Moremi fino al Chobe Natonal Park. Muovendosi in piccoli gruppi, è possibile pernottare con campi tendati mobili all’interno dei parchi ed evitare così l’affollamento dei campeggi solitamente usati dai turisti.

Guida Kenya della Lonely Planet.
Night safari nei parchi e bivacchi nel deserto

Non può poi mancare un viaggio trekking per raggiungere la montagna più alta dell’Africa meridionale, il Monte Mulanje in Malawi, considerato dagli abitanti un luogo di magia. Ai suoi piedi si estende la selvaggia natura della Mount Mulanje National Reserve dove è possibile partecipare ai safari. Poco distante si trova anche l’incantevole Lake Malawi National Park coni villaggi dei pescatori malawiani.

Per chi ama il safari, un viaggio avventura a bordo di mezzi 4×4, attraverso la vicina Zambia rappresenta un’esperienza unica. Durante i safari notturni nel South Luangwa National Park si incontrano numerosi predatori e rare specie endemiche. Il parco vanta un’estensione di oltre 9000 km quadrati .

La zona è soprattutto nota per l’elevata concentrazione di leopardi e le oltre 400 differenti specie di volatili. M’hamid, una delle due località del Marocco che rappresentano la “porta” sul deserto, è la base di partenza per un’escursione nel deserto trasportati da un cammello o a bordo di un fuoristrada. Attraversare l’infinita distesa di dune e dormire nei bivacchi sotto il cielo di stelle per poi concludere il tour con una visita al mercato di Zagora, dove datteri e spezie tipiche del luogo attendono gli acquirenti, è un’emozione da non mancare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *